1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0.00 (0 Votes)

Come sempre accade, quando un reato lo si fa proprio davanti agli occhi di tutti, per di più avvalendosi del rivestire incarichi di pubblico servizio, è difficile individuarne il meccanismo...

Ma (c'é sempre un ma) il diavolo si sà, fa le pentole ma non i coperchi, e allora non sono bastate sentenze ingiuste e complicità di magistrati a farmi desistere dall'indagare quale ingegno criminale era nascosto dietro fatti inizialmente considerati come errori e apparentemente non collegabili l'uno con l'altro e invece collegati da un filo rosso invisibile...

Invisibilità che però é scomparsa ora che, con nuovi reati, i responsabili di circa 20 anni di falsità e omissioni  rispetto alla procedibilità della istanza di condono n° 2780 presentata l'1.3.95 presso il Comune di Casalnuovo di Napoli, sono dovuti uscire allo scoperto, intentando nuovi reati presso il T.A.R. della campania, perchè da me incalzati con sentenze di Cassazione e di Tribunale passate in giudicato sulla nullità della istanza di condono da loro usata in oltre un centinaio di rogii, complici anche notai napolatani.

Infatti solo le mie insistenze hanno costretto il sindaco Antonio Peluso e i responsabili dell'Ufficio Condoni presso il Comune di Casalnuovo a non poter continuare a sottrarsi ai loro doveri di ufficio e intraprendere azioni in danno dei proprietari degli immobili abusivi di via Strettola, parco delle Ginestre, tra i quali non ci sono solo truffati, ma anche truffatori, originari proprietari del suolo e commissionari della gigantesca speculazione edilizia, riguardante 135 appartamenti e relative pertinenze RADICALMENTE ABUSIVI.

Ecco svelato il meccanismo:

Per gli immobili costruiti in totale abusività, la società, all'epoca amministrata da Patrizia Boldoni, moglie dell'ing. Corrado Ferlaino, avendo già prenotato la quasi totalità di essi e incamerato svariati miliardi di lire da famiglie ignare di star venendo truffate, tra i quali anche io e la mia famiglia, presentò un condono fittizio, privo dei documenti e delle oblazioni per poter venire legalmente istruito.

Le oblazioni furono pagate solo in minima parte per poter rappresentare ai rogiti, esibendo la ricevuta di pagameento, di aver condonato.

La istanza, depositata il 28.02.1995 prese in numero 1947 e fu protocollata all'ufficio conconi al n. 9451;

Il giorno dopo, dichiarando questa prima istanza "errata per mero errore dattilografico" presentarono una nuova istanza, che però, incredibilmente, fu regitrata al n° 2780 e protocollata all'ufficio condoni al n° 10503. (come se fosse stata registrata diversi mesi dopo la prima...);

Dopo circa 9 mesi, il 6 dicembre 1995, il tecnico istruttore dell'epoca, Geometra Giuseppe Catauro, inviò una raccomandata alla Società Del Vecchio Costruzioni S.p.A. che certificava che la società aveva presentato la prima istanza senza i documenti essenziali alla sua istruttoria ex legge 724/1994 e con oblazioni insufficienti;

In questa raccomandata, prot. 53150, l'oggetto non era l'unica istanza valida, cioè la n° 2780, ma la 1947, che invece era stata sostituita e che, pertanto. non doveva essere oggetto di alcuna attività istruttoria.

La società Del Vecchio, infatti, lasciò la raccomandata cadere nel vuoto. 

Tralasciando che nel 2004 la testa di legno che dal 1 dicembre 1997 aveva sostituito Patrizia Boldoni nell'amministrazione della società ingegnò sulla stessa istanza una finta integrazione parte di una truffa nella truffa effettivamente realizzata in danno del Comune di Casalnuovo di Napoli e della Corte di Appello presso il Tribunale di Napoli (entrambi lasciatisi truffare grazie a operatori infedeli) dopo che portando al Comune di Casalnuovo di Napoli la sentenza di Cassazione che mi dava ragione costrinsi i diirigenti a fare quanto prima avevano omesso, cioè un diniego al condono, già prima che questo venisse deciso, grazia alla complicità del dirigente (già complice da anni addietro) ingegnarono una motivazione che non avrebbe impedito alla società abusivista di presentare un ricorso al T.A.R. della Campania, tacendo i motivi ostativi la procedibilità della istanza per tantare di ivi ottenere una declaratoria sul silenzio/assenso, che avrebbe consentito alla società costruttrice sia di fare invalidare il diniego, sia di fare decadere provvedimenti di demolizione e/o sequestro intanto decisi sugli stessi, nonche di continuare ad inquinare i procedimenti civili da me fatti di nuovo instaurare presso il Tribunale di Napoli dopo aver vinto in Cassazione.

Il meccanismo criminale ingegnato era quindi di far risultare la prima istanza da integrare e la seconda (ecco il motivo del protocollo distante 1052 pratiche) integrativa della prima...

Non avendo il Geometra Catauro messo la seconda istanza come oggetto della richiesta di integrazione del 6.12.1995 e non avendo il tecnico in alcun modo coinvolto questa nella richeista di integrazione la società, se qualcuno le avesse chiesto conto della legittimità del condono, avrebbe potuto in futuro (cosa che sta avvenendo adesso) accampare pretese sull'intervenuto silenzio/assenso, che nella legge 724/1994 era previsto, ma solo per le istanza regolarmente presentate e pagate, cosa che grazie alla mia insistenza sono riuscito a far documentare come non ricorrente nel caso delle istanze in questione. 

Oggi mi trovo quindi a denunciare 20 anni di complicità dei responsabili dell'ufficio condoni presso il Comune di casalnuovo di Napoli con l'organizzazioen criminale che dopo avere truffato me ed altre 100 famiglie mi tiene dal 1996 vittima di frodi processuali e dal 2004 sotto estorsione, riuscendo a restare impunita grazia a magistrati complici...

Ditemi voi se non c'é corruzione!

Luigi Iovino

Vicenda già esposta alle Procure della Repubblica presso i Tribunali di Napoli e Nola (quest'utima competente per territorio sui reati in Casalnuovo di Napoli, presso la quele il P.M. dott. Carmine Renzulli, come già fatto in passato, ha chiesto de plano l'archiviazione, alla quale ho rpesentato opposizone, ora al vaglio del G.I.P.)

A Napoli la Procura sta indagando e giò sono stato sentito dalla Polizia Giudiziaria come persona informata dei fatti, confermando i miei esposti denunce e querele, nomi, fatti e circostanze e, come sempre ho fatto, producendo i docuemnti a conforto delle mie affermazioni! 

Condividi questa pagina, grazie!

FacebookTwitterDiggDeliciousGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It

 

Partecipa, esprimi il tuo parere su questa vicenda.

Anche tu Vittima di Malagiustizia? Unisciti a noi! L'unione fa la forza!

banner facciamo due conti

Perché questo sito?

Oltre la necessità di denuncia, spero che diffondere e documentare cosa mi sta accadendo nei Tribunali italiani possa evitare ad altri di diventare vittima dei criminali del giudiziario continua...

Autorità informate

Questa sezione potrei chiamarla "della vergogna nazionale": scopri le autorità che hanno mantenuto il silenzio complice su comportamenti criminali costruttori abusivi, ma anche di professionisti iscritti agli albi, di notai, di avvocati, C.T.U. e magistrati deviati, dal 1990 a oggi.

Media

Questa è la sezione dei coraggiosi! Quì evidenzio articoli e interviste audio/video di giornalisti che hanno sentito il dovere civico di interessarsi al mio caso. Scopri quali media hanno fin'ora supportato le mie denunce. Contattami.

Reati in corso

Omissioni, sviamento, elusione, silenzio, inerzia amministrativa e immobilità giudiziaria sono i reati preferiti dai dipendenti e Amministratori Pubblici, avvocati, C.T.U. e Magistrati, non aiutarli anche tu!