1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)

Da: "luigiiovino" Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. A: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Data: Tue, 15 Jul 2014 13:11:55 +0200 Oggetto: Richiesta di tutela da reati in corso in procedimenti civili e penali presso il Tribunale e la Corte di Appello di Napoli

Alla C.A. sig. Questore pro tempore,

 
Ill.mo sig. Questore, 
 
facendo seguito a quanto confermato  e rappresentato come da allegati alla presente;
 
che esistono, come già esistevano, prove della falsità della decisione assunta dal giudice Criscuolo nel procedimento civile 13288/98 c/o il Tribunale di Napoli II Sez. Civ. Sentenza del 13.01.2004 n. 309 http://www.asso-ilcittadino.it/userfiles/FRODE_PROCESSUALE_NEL%20PROCIV_n_13288_98_Trib_NA.pdf
 
che esistono testimonianze che potrebbero nascondere minacce di gravi conseguenza al sottoscritto!
 
Riguardando la mia storia reati in corso realizzati con una continuità e quantità impressionante in ogni giudizio che si origina in seguito a mie citazioni e denunce, finendo per ottenere che i giudici o i Pubblici Ministeri sbaglino ad interpretare leggi e prove o che aggirino la obbligatorietà dell'azione penale con sotterfugi oramai riconoscibili per la reiterazione di elusione, omissione, negazione di giustizia, aggiramento dell'obbligatorietà dell'azione penale.
 
Essendo che la magistratura non mi ha garantito la benché minima tutela nonostante che i miei motivi di denuncia sono stati riconosciuti fondati dalla Suprema Corte di Cassazione Civile (vedasi sentenza allegata n. 7632/2011 e le mie denunce di estorsione già presentate dal 2004 e rinnovate con maggior vigore nel 2005 sono ora confortate anche dalla decisione assunta dal Comandante della Polizia Locale di Casalnuovo di Napoli dott. Guglielmo Librino con Ordinanza di demolizione di 135 appartamenti e annessi e connessi.
 
Che a supporto delle mie denunce  contro Roberto Morante, Ciro Rossi e Patrizia Boldoni per estorsione si è deciso a testimoniare l'avvocato Raffaele Leone, presente ai fatti da noi subiti il 07.09.2004, con studio in Napoli via Pontano 61, tel, 0817618093, cell. 3333150079 e che con lui era presente l'Avv. Vittorio Balzano del Foro di Napoli, identico domicilio, quando subimmo senza poterci difendere l'epilogo di una estorsione iniziata 8 anni prima, con modalità descritte in verbali dall'Ufficiale Giudiziario Antonio Velardi dal 2 marzo 2004 al  7 settembre 2004.
 
Che per effetto della stessa estorsione, realizzata avvalendosi di una sentenza attestante il falso, gli agenti di una organizzazione criminale ancora attiva, Avv.to Roberto Morante e Rag. Ciro Rossi ancora ci minacciano con ingiuste pretese di risarcimento, che saremo obbligati a riconoscere fino all'annullamento della sentenza 309/04.
 
Che per il suddetto annullamento abbiamo adito il proc. civ. n° 2958/2011 presso la Corte di Appello di Napoli II° Sez. Civ. oggi in cura alla dott.ssa Piscitiello ma che all'udienza del 4 dicembre 2013  si sono evidenziate situazioni irregolari non denunciate dagli avvocati o dai giudici, rinviando l'udienza di oltre18 mesi al 16 giugno 2015, mentre non veniva garantita la regolare presenza degli atti nel giudizio e le dovute trascrizioni degli atti depositati nel fascicolo della causa, sicché l'udienza si sarebbe svolta senza che venisse garantito il regolare svolgimento della stessa.
 
Che tali impedimenti e rinvii, non di origine dovuta alla amministrazione della giustizia o a ritardi burocratici sono stati causati da mancanze anche degli avvocati presenti nel procedimento, potendosi sospettare un nuovo sviamento giudiziario per allontanare l'annullamento della sentenza n° 309/04, il quale ineluttabile esito negativo per la mia controparte evidenzierebbe con maggiore chiarezza ancora l'intento estorsivo già in parte realizzato ed in parte in essere.
 
Con la presente, in forza e d in virtù di quanto allegato, chiedo di essere ascoltato e che la Questura attivi ogni prerogativa a tutela del sottoscritto e della mia famiglia anche contro magistrati che ci hanno e ci stanno danneggiando con comportamenti a dir poco collusivi agli interessi dei criminali che combattiamo da anni, che oltre noi hanno truffato oltre cento famiglie e le Amministrazioni Pubbliche dello Stato, complici anche Notai, con la induzione alla prenotazione e l'acquisto di centinaia di immobili solo apparentemente commerciabili ed invece privi dei requisiti minimi per essere immessi nei circuiti commerciali.
 
Che la presente e le relative ricevute di consegna saranno esposte pubblicamente in internet nei social network di maggiore diffusione e nel sito web dove è documentata tutta la mia vicenda umana e giudiziaria www.dirittiviolati.it cui vi invito a fare riferimento per ogni documento dovesse occorrere a conforto di questo mio esposto, denuncia e querela che sono pronto a confermare e sottoscrivere quando vorrete, ulteriormente precisando e documentando ogni assunto.
 
Dichiaro di essere a conoscenza della normativa di cui al decreto legislativo n. 196/03 e di aver preso atto dei diritti di cui all'art.7, autorizzandovi, in maniera piena, ferma ed incondizionata, al trattamento dei dati personali che mi riguardano siano essi comuni, sensibili, e/o giudiziari a norma degli art 23 e 26 del T.U. privacy".
 
Grato, in fiduciosa attesa,
 
Luigi Iovino.
 
Ricevuta di avvenuta consegna in data odierna!
 
luigiiovin-PEC-15 07 2014

Testimone di ingiustizia l'avv.to Raffaele Leone, e l'avv.to Vittorio Balzano nonchè Ufficiale Giudiziario presso il Tribunale di Nola Dott. Antonio Velardi, che relazionò, senza saperlo, l'epilogo dell'estorsione ai nostri danni!

11.07.2014 - E' credibile questa "Giustizia"? Estorsione in corso impunita da 10 anni da Magistrati - Testimoni Avvocati del Foro di Napoli!

Resoconto di una estorsione posta in essere in più puntate! Minacciata 8 anni prima. Descrizione ad opera dell'incolpevole Ufficiale Giudiziario A. Velardi del Tribunale Nola (NA)

Confessione giudiziale n. 6 - Nuovo tentativo (non riuscito) di inquinare il sereno convincimento dei giudici presso la Suprema Corte di Cassazione IIa Sez. Civ. Civile

A quando i delinquenti, anche giudici e Sostituti Procuratori della Repubblica, in galera?

Condividi questa pagina, grazie!

FacebookTwitterDiggDeliciousGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It

 

Partecipa, esprimi il tuo parere su questa vicenda.

Anche tu Vittima di Malagiustizia? Unisciti a noi! L'unione fa la forza!

banner facciamo due conti