1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0.00 (0 Votes)

Il termine "malagiustizia" usato quì è riferito al fenomeno della "criminalità nel giudiziario" descritto come emergente ed emergenziale dal dott. Nello Rossi, Procuratore Aggiunto c/o la Procura della Repubblica Roma, a ilSole24Ore "La Criminalità nel Giudiziario" Frodi, furti, corruzioni: quando il processo diventa criminogeno alla cui lettura vi rimando.

Come vittime di malagiustizia in corso, noi famiglia Iovino abbiamo rilevato e denunciato come sistemeticamente subite e subende:

  • Sinergie criminali per la compressione dei ns diritti tra avvocati di parte (per fortuna non tutti) e controparte, di magistrati (per fortuna non tutti) e C.T.U. (per fortuna non tutti) a favore della parte più potente in giudizio;
  • Relazioni alle C.T.U. attestanti esplicitamente il falso "coperte" dal silenzio del magistrato conferente l'incarico (torta da oltre 3 miliardi di Euro annui dalla cui gestione privatistica derivano molti danni ai processi);
  • Sentenze "immediatamente esecutive" anche in assenza di urgenza per togliere il respiro agli aggrediti;
  • Collusione senza veli e ad ogni livello dei magistrati che hanno da gestire esposti denunce e querele contro colleghi, avvocati e ausliiari (proprio come se fossero una mafia)!

Avvocati di fiducia che dichiarano "biricchino" il corrivo deposito da parte del collega di controparte di documenti e affermazioni giudiziali materialmente ed idelogicamente attestanti il falso (raramente contestato da Giudici in sede civile o penale) e tacciono su evidentemente strumentali "legittimi impedimenti del legale di controparte" che è difficile non pensare finalizzazi a far conseguire al cliente "fortunato" la prescrizione dei reati, consentiti dai magistrati anche quando il richiedente fa parte di "studio associato";

La "chiusura" del sistema Giustizia e dei magistrati, anche di Cassazione, a ascoltare la parte lesa, piuttosto che il suo legale, a consentirgli presenza e registrazioni audio e video ovunque, anche nelle camere di consiglio, per garantire la liceità dei comportamenti, per nulla garantita quando a trattare la vicenda sono gli addetti ai lavori.

Ho inoltre registrato come ricorrenti e funzionali all'aggiramento dell'obbligo dell'azione penale:

  1. le errate iscrizioni ai modelli previsti ex art. 335 c.p.p. che, quando la rubricazione è palesemente in spregio, consente al P.M. che assumerà il caso di capire a "prima lettura" se qualcuno ha posto un veto allo sviluppo della stessa, di solito qusto imprinting viene imposto agli esposti , denunce e querele che riguardano addetti al funzionamento della giustizia o di chi ne gode i favori.
  2. Quando inevitabile per l'accanirsi della "parte lesa" l'iscrizione dei denunciati per reati gravi al registro indagati con reati minori*, per il quale poi il p.M. o il G.I.P. amico dichiara insustistente il reato chiedendo l'archiviazione della denuncia senza aver apparentemente violato la legge.
    1. *rubricazione del denunciato al registro indagati per reato minore (ad esempio l'abuso d'Ufficio (che è il reato tipico del dipendente delle Pubbliche Amministrazioni) al posto della falsità in atti giudiziari e/o l'associazione a delinquere) per poi giudicarlo non ravvisabile e chiedere l'archiviazione del procedimento.
  3. La consolidata abitudine di farsi "i cazzi suoi" del magistrato/Pubblico Ufficiale, sottrendosi  all'obbligo, ex art. 361 c.p.p., di denunciare alle Autorità superiori reati dei quali viene a conoscenza nell'esercizio dei suoi doveri di ufficio.

Condividi questa pagina, grazie!

FacebookTwitterDiggDeliciousGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It

 

Partecipa, esprimi il tuo parere su questa vicenda.

Anche tu Vittima di Malagiustizia? Unisciti a noi! L'unione fa la forza!

banner facciamo due conti

Perché questo sito?

Oltre la necessità di denuncia, spero che diffondere e documentare cosa mi sta accadendo nei Tribunali italiani possa evitare ad altri di diventare vittima dei criminali del giudiziario continua...

Autorità informate

Questa sezione potrei chiamarla "della vergogna nazionale": scopri le autorità che hanno mantenuto il silenzio complice su comportamenti criminali costruttori abusivi, ma anche di professionisti iscritti agli albi, di notai, di avvocati, C.T.U. e magistrati deviati, dal 1990 a oggi.

Media

Questa è la sezione dei coraggiosi! Quì evidenzio articoli e interviste audio/video di giornalisti che hanno sentito il dovere civico di interessarsi al mio caso. Scopri quali media hanno fin'ora supportato le mie denunce. Contattami.

Reati in corso

Omissioni, sviamento, elusione, silenzio, inerzia amministrativa e immobilità giudiziaria sono i reati preferiti dai dipendenti e Amministratori Pubblici, avvocati, C.T.U. e Magistrati, non aiutarli anche tu!